IL COCCODRILLO COME FA

03 dicembre 2014

Comincia il conto alla rovescia per la seconda edizione del Festival scientifico Cassanoscienza organizzato dal Liceo “Leonardo da Vinci” di Cassano Murge e dall’agenzia di divulgazione scientifica Multiversi. Dopo il grande successo del 2014, c’è grande attesa sui nomi degli ospiti e sugli appuntamenti che animeranno la stagione primaverile nella quale si inserisce un festival settoriale che presta grande attenzione alla multidisciplinarietà.

Finalmente svelato il tema che farà da leit motiv in questa edizione, nella quale i riflettori saranno puntati sulle TRASFORMAZIONI, dopo il salto nel TEMPO del 2014 che aveva portato nella cittadina pugliese ospiti internazionali come Giovanni Amelino Camelia (definito dal Discovery uno dei dieci successori di Einstein) e il divulgatore scientifico svizzero Cesco Reale.

Non resta che aspettare il programma ufficiale, pregustando l’atmosfera del festival grazie all’importante novità che è ANTEPRIMA CASSANOSCIENZA: una serie di eventi per cominciare a lasciarsi affascinare e provocare, in anteprima appunto, dal tema dell’anno. Si comincia mercoledì 3 dicembre 2014 (ore 16.00), con la presentazione del libro “Il coccodrillo come fa – la vita sessuale degli animali” (CODICE EDIZIONI), della biologa e ricercatrice di storie strane di animali bizzarri Lisa Signorile, resa nota dalla sua seguitissima rubrica L’orologiaio miope (sito National Geographic Italia).

Dopo il saluto della dirigente dell’istituto Dott.ssa Daniela Caponio e quello del Dott. Alessio Perniola (direttore scientifico di Multiversi), ci si approccerà con ironia e rigore alle trasformazioni (comportamentali e anatomiche) che hanno accompagnato gli animali nel loro processo evolutivo. Introdurrà il giornalista Gaetano Prisciantelli.

____

Il coccodrillo come fa – di Lisa Signorile: Tramandare i propri geni è da sempre la massima (spesso inconsapevole) aspirazione di ogni essere vivente. D’altronde non potrebbe essere altrimenti: nell’ultimo mezzo miliardo di anni chi non ha dedicato le proprie energie a riprodursi semplicemente si è estinto. Noi siamo i discendenti di quelli che invece i propri geni hanno voluto tramandarli. L’evoluzione ha affinato questa tendenza e l’ha resa una spinta irrefrenabile nonché una macchina (quasi) perfetta, sviluppando fantasiosi stratagemmi nel comportamento e nell’anatomia degli animali. Con la grazia, il rigore scientifico e lo humour cui ci ha abituato con L’orologiaio miope, Lisa Signorile ci regala una carrellata dei più bizzarri meccanismi riproduttivi sviluppati da pesci, anfibi, rettili, uccelli… E naturalmente dai mammiferi.

Torna all'archivio